le richieste dell’ultimo momento

3. Dicembre

image

Settimana scorsa sono stata chiamata da un’associazione culturale per occuparmi di sottotitoli a un documentario traducendo il parlato dal tedesco all’italiano. Anche se non è il mio campo ero felice di poter dare una mano. Così accettai ancor prima di rendermi conto che il documentario era sul genocidio del Ruanda, insomma un tema non proprio leggero. La traduzione non è risultata facilissima per vari aspetti
1. non avevo un testo scritto, perciò dovevo ascoltare il filmato più volte
2. avrei dovuto tradurre dal tedesco all’italiano, ma molti pezzi erano originalmente in francese con sottotitoli in tedesco che non sempre erano appropriati
Fatto il lavoro, spedisco tutto e penso di aver finito qui! Poi un giorno ricevo un sms chiedendomi come me la cavavo con il francese e se avessi avuto qualche ora libera. Mi sono ritrovata così in teatro a inserire i sottotitoli durante il filmato proiettato in sala al pubblico. Per fortuna non mi sono resa conto della difficoltà o meglio mi son detta, che l’ansia da prestazione mi avrebbe solo disturbato e perciò era meglio non farmela venire per niente.
Tutto è andato a meraviglia e mi sono appassionata a questo documentario che in pratica parla del backstage di uno spettacolo:
Hate Radio (Svizzera/Germania 2011) racconta la storia della RTLM/Radio-Télévision Libre des Mille Collines, stazione radio ruandese che ha giocato un ruolo cruciale nel genocidio del Rwanda della minoranza Tutsi nel 1994.
Il 6 aprile 1994, l’aeroplano del Presidente ruandese Habyaruman fu colpito da due missili in fase di decollo. Questo evento segnò l’inizio del più brutale genocidio dalla fine della Guerra Fredda. Nei mesi di aprile, maggio e giugno del 1994 in Rwanda la stima dei morti della minoranza Tutsi ammontò da 800,000 a 1,000,000 e migliaia furono i morti tra i moderati dell’etnia Hutu.
L’arma più potente utilizzata durante il genocidio fu la “Radio-Télévision Libre des Mille Col-lines” (RTLM). Gli operatori della stazione radio, con inspiegabile cinismo, coltivarono e prepararono il genocidio per mesi, integrando nella propria programmazione: musica, sport, comunicati politici e autentiche istigazioni all’omicidio.
Come funziona il processo di affermazione dell’ideologia razzista? Come è possibile epurare l’individuo della sua umanità?
L’opera del regista Milo Rau si avvale di documenti e testimonianze dirette di membri dell’etnia Hutu e di superstiti del genocidio stesso, per dare una risposta a questi interrogativi, lasciando che le persone facciano esperienza diretta di quanto accaduto nella storia del Rwanda.

Trovo Milo Rau un regista molto interessante e se sapete il tedesco o il francese vi consiglio di vedere il filmato.
Un plauso va a ZonaK, un’associazione che promuove, progetta e produce cultura spesso con spettacoli ed eventi fuori dal comune. Grazie a loro per la fiducia che hanno posto in me.
Ieri nel tardo pomeriggio ho ricevuto un’altra chiamata, questa volta da un direttore d’orchestra e di coro per chiedermi aiuto per un concerto che avrà luogo stasera. Anche qui ringrazio per la fiducia. Ma cosa c’entra tutto questo con il calendario dell’avvento?
E sì il dono di oggi è scoprire che lì fuori nel mondo, ci sono persone che ti stimano, che hanno talmente fiducia in te oppure si tratta di incoscienza o sono veramente con l’acqua alla gola (😜)da chiamarti nei momenti di sos. Fa bene all’autostima e son felice di essere stata d’aiuto. Anche in questa occasione non posso preoccuparmi più di tanto, non ho il tempo necessario da dedicare all’ansia. Meglio non invitarla neanche. Le prometto di dedicarle un pomeriggio intero dove chiacchierare assieme a lei con tè e pasticcini.
Ora scappo che non è carino arrivare tardi al concerto!

Annunci

7 pensieri su “le richieste dell’ultimo momento

  1. Niente ansia, solo autostima 😀
    Ps. Mi hai contagiato, ho cominciato anche io a individuare il dono della giornata 🙂 la cosa bella mi è accaduta o che ho fatto per gli altri. Fa bene allo spirito e all’umore!

    1. Sì, l’umore migliora tantissimo e in questo periodo storico lo trovo doveroso verso noi stessi e verso gli altri. Così il virus ti ha contagiato, ne sono alquanto contenta. Ora son curiosa di conoscere i tuoi doni, anche se i tuoi manufatti e le tue recensioni già lo sono. Buona giornata e buona sorpresa per oggi 😃

  2. Che bello leggere tanta positività e immergersi nei tuoi bei pensieri!
    Goditi tutti questi piccoli grandi doni, che sono il vero tesoro della vita.
    Il mio dono speciale di oggi è stato giocare a dadi sul tappeto con mio figlio, ascoltando della buona musica, mentre la sorellina dormiva. Avere del tempo tutto per lui-noi, è importante per rafforzare la sua autostima e il nostro legame…e mi rende felice. Non che il tempo trascorso tutti insieme non mi renda felice, ma c’è bisogno anche di un pizzico di “esclusività” ogni tanto, nel rapporto mamma figli*.
    Un abbraccio e complimenti per ciò che fai!
    Valentina

    1. Grazie Valentina del complimento, rafforza il desiderio di continuare. Io stessa non ho figli, ma decisamente parecchi nipoti con cui amo passare del tempo assieme e ognuno ha bisogno della sua esclusività (e se guardiamo bene, anche noi adulti o almeno io ho bisogno anche con gli amici di momenti esclusivi). Ritorno presto per altri piccoli-grandi doni ricevuti, che però finora non ho avuto il tempo di condividere con voi. Ti auguro una meravigliosa giornata e a presto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...