e polpette siano

3. DICEMBRE

images

Le polpette come le crocchette servono per re-inventare gli avanzi in maniera fantasiosa, che poi siano fritte oppure al forno poco importa.

 “Questo è un piatto che tutti lo sanno fare, cominciando dal ciuco, il quale fu forse il primo a darne il modello al genere umano” così parla Pellegrino Artusi (1820-1911), noto gastronomo pensando alle polpette.Artusi
Del resto assieme alle crocchette non sono nient’altro che una rivisitazione degli avanzi che vengano fritte o cotte al forno. Per cambiare la pietanza viene spesso mischiata con delle spezie e qui come diceva Carl Gustav Jung (1875–1961):
L'incontro di due personalità è come il contatto di due sostanze chimiche: si produce una reazione così che entrambe ne saranno trasformate.
L’incontro di due personalità è come il contatto di due sostanze chimiche: si produce una reazione così che entrambe ne saranno trasformate.

Certo non pensava al cibo, ma le pietanze e gli ingredienti si comportano come vere e proprie personalità e sempre per continuare con le citazioni ecco qui cosa dice Shunryu Suzuki nel libro  Mente Zen – mente di principiante: “Il corpo e la mente non sono né uno né due. Se pensate che il corpo e la mente siano due, è sbagliato; se pensate che siano uno, è ancora sbagliato. Il corpo e la mente sono due e uno allo stesso tempo.” In pratica le spezie assieme all’avanzo devono mantenere le proprie caratteristiche e contemporaneamente crearne insieme una nuova.

Così se ancora non l’aveste capito oggi vi propino polpette, anche se non siamo nel pieno dei cenoni o pranzi intorno a Natale, ma meglio portarsi avanti con le idee.
Il bello di queste polpette è che sono completamente crude perciò se dopo giorni di cucina dove il vostro sogno è starne alla larga, ma continuare a mangiare con gusto le opzioni sono due: o vi fate invitare o preparate una cosa facile, facile dove non sia necessario sporcare mille tegami.

400 g carote grattugiate
2-3 datteri
100 g di lenticchie germogliate
1 cucchiaino di Garam Masala
1 cucchiaino di curcuma
1 cucchiaino di aglio orsino
sale o salsa di soia
sesamo

Mettere tutti gli ingredienti eccetto il sesamo in uno sminuzzatore  e poi formare delle piccole palline. Passarle nei semi di sesamo e lasciarli riposare per qualche ora in maniera che le caratteristiche olfattive e gustative dei vari ingredienti si possano amalgamare fra loro.
Consiglio di assaggiarli con dello yogurt di soia acidulato con un po’ di limone.
polpetteIMG_6989
Annunci

6 pensieri su “e polpette siano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...