Anno vecchio – Anno nuovo: i buoni propositi

Copia di new year
The New Year Carol
di Benjamin Britten

Ecco sta per finire un altro anno e con la fine lasciamo andare tutte le problematiche e i pensieri che ci hanno afflitto finora. Sgomberiamo e puliamo casa come la casa che ci portiamo sempre addosso, cioè noi stessi. Lasciamo che ci sia nuovo spazio non solo per i propositi, ma anche per le sorprese che ci arriveranno con l’anno nuovo. Certo non dobbiamo rimanere passivi, ma facciamo in maniera che il futuro sia piacevole per noi e per chi ci sta attorno. Possiamo cambiarlo in quello che più desideriamo. Scegliamo di essere contenti e felici e lavoriamo per questo. Ogni giorno potremmo fare una piccola cosa bella. Io ho deciso che mi terrò un piccolo diario giusto per segnare una bellezza al giorno. Può essere un’emozione, un comportamento, una musica, un piatto particolare, un’immagine, una danza, un sorriso, un’azione o un gesto che farò e uno che riceverò. Non scordiamoci mai che riceviamo molto, siamo fortunati. Io sono fortunata: ho una famiglia che mi supporta e mi ama, un tetto sopra la testa, dei pasti tutti i giorni, un lavoro che mi entusiasma, tanti allievi e clienti che ammiro e che continuano a nutrire il mio entusiasmo per quello che faccio e … molti amici. Nel mese di gennaio terrò un concerto con musiche per me nuove, diverse dal mio repertorio abituale e sono felice. Tra i vari pezzi ho deciso di aggiungerne uno a me caro. Essendo un concerto all’inizio dell’anno questo gioiellino ci sta proprio bene: The New Year Carol (n.5 Friday Afternoons op.7) di B. Britten (qui una registrazione che merita ascoltare). Adoro questo pezzo! La melodia è molto semplice e il testo è molto Feng Shui. Il Feng Shui riguarda tutti gli aspetti della nostra vita, quella fisica, emozionale, mentale, lavorativa e degli ambienti. Il testo di questo carol il cui autore è sconosciuto recita di lasciare aperte le porte a ovest per lasciare uscire, andare via l’anno vecchio (assieme a tutte le preoccupazioni, al disordine e a tutto quello che ostacola una nostra crescita) e di seguito aprire le porte a est per permettere di far entrare il nuovo anno (energia fresca e nuova che porta con sé serenità, pace e armonia). Qualche dettaglio sul testo lo potrete trovare qui e qui. Invece per avere maggiori informazioni sugli aspetti del Feng Shui vi consiglio di leggere Energie magazine, rivista trimestrale, dove all’interno potrete sempre leggere un articolo riguardante questo tema affascinante.

Felice Anno Nuovo!

Di seguito il testo di The New Year Carol preso dall’antologia Tom Tiddler’s Ground edito da Walter de la Mare e musicato successivamente da Benjamin Britten intorno al 1935.

Here we bring new water
From the well so clear
For to worship God with
This happy new year.

Sing Levy-dew, sing levy-dew,
The water and the wine
The seven bright gold wires
And the bugles that do shine.

Sing reign of Fair maid
With the gold upon her toe
Open you the west door,
And let the old year go.

Sing Levy-dew, sing levy-dew,
The water … ecc.

Sing reign of Fair maid
With the gold upon her chin
Open you the east door,
And let the new year in.

Sing Levy-dew, sing levy-dew,
The water … ecc.

Annunci

2 pensieri su “Anno vecchio – Anno nuovo: i buoni propositi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...